13 luglio: Il Presidente Nazionale è stato ricevuto
dalla Signora Ministro della Difesa, dottoressa Elisabetta Trenta
Nel corso del cordialissimo colloquio, l’Ammiraglio Pagnottella ha avuto modo di illustrare le caratteristiche della nostra Associazione, le importanti attività che svolge nel tessuto sociale nazionale, le sue aspettative. Ha inoltre presentato il progresso dell’impresa relativa all’erigendo Monumento al Marinaio a Roma, auspicando che possa essere realizzato in breve ed alla presenza del Ministro, dalla quale ha ricevuto ampia condivisione, massima considerazione e sostegno.

Dal 18 al 23 luglio la nave scuola Palinuro della Marina Militare
approderà presso il Castello Aragonese nel porto di Taranto

Nave Palinuro sarà aperta al pubblico nei seguenti giorni:
19 luglio:   dalle 16.00 alle 19.00
20 – 21 – 22 luglio:  dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.00 alle 19.00


L’Arsenale Militare di Venezia “sotto le stelle”

Fino a giovedì 23 agosto 2018 l’Arsenale Militare di Venezia sarà aperto alla cittadinanza in arco notturno, grazie ad un’iniziativa dell’Istituto di Studi Militari Marittimi.
Lo splendido comprensorio Arsenalizio, testimone nei secoli del legame tra la città della laguna e la Marina Militare potrà essere visitato tutti i giovedì, alle ore 20.00 per un massimo di 40 persone, previa prenotazione via email entro le ore 15.00 del giorno precedente, agli indirizzi:
roberto1.messina@marina.difesa.it
domenico1.spinelli@marina.difesa.it
maristudi.aagg@marina.difesa.it

Banner_Bacheca

E’ stata realizzata la medaglia “Centenario impresa di Premuda”
clicca qui per visualizzare le istruzioni per l’acquisto

clicca qui per i prossimi eventi pubblici presentati nel sito della della Marina Militare
blue_front_double

Marinaio Carlo Acefalo: missione compiuta grazie ai Marinai d’Italia !
A Port Sudan il Governatore della Regione ha consegnato all’Ambasciatore d’Italia Fabrizio Lobasso la cassa contenente i resti mortali del Marinaio Carlo Acefalo. Fra poco il rientro in Italia.
clicca qui per visualizzare i dettagli della vicenda